:: Pane al vapore ::

3 settembre 2009





Ed ecco l'esperimento di cui vi parlavo due post fa, in occasione dei miei primi panini!
Questa volta ho preparato del pane al vapore!
Ebbene sì: anche il pane può essere cotto a vapore!
L'avete mai assaggiato? Magari in un ristorante cinese?
Si tratta di un pane elastico e privo di crosta che può essere servito come antipasto (aromatizzato alle erbette) con formaggi morbidi o come accompagnamento di piatti salati e saporiti. La ricetta che trovate in basso è proprio la stessa dei miei panini all'erba cipollina: naturalmente l'unica variante sta nella cottura!


:: Pane al vapore ::

Ingredienti:
farina rinforzata 500g
acqua 280ml
olio e.v.o. 40ml
lievito di birra 15g
sale 10g
olio piccante q.b.



Preparare il lievitino: scogliere il lievito in 80ml di acqua tiepida, impastare con 150g di farina e lasciar lievitare il tutto per circa 30 minuti in luogo tiepido, alla temperatura di circa 28°C. Disporre la farina restante a fontana, cospargerla di sale, versare al centro l'acqua tiepida e l'olio.

Iniziare a impastare il tutto e, trascorso qualche istante, aggiungere il lievitino, quindi lavorare a lungo l'impasto. A questo punto incorporare l'olio piccante (o altre spezie a piacere) lavorando ancora un pò.
Sistemare la pasta in una terrina, praticare sulla superficie un'incisione a croce, coprire e lasciar lievitare il tutto per almeno un'ora.
Rompere la lievitazione impastando per qualche minuto e formare alcuni panini tondi (o a spirale); disporre ciascun panino su un dischetto di carta forno e adagiarli sul cestello per la cottura a vapore, un pò distanziati gli uni dagli altri.
Lasciar lievitare per 20 minuti, quindi versare in una pentola un pò d'acqua e portarla a bollore : inserire il cestello e coprire col coperchio.
Cuocere i panini a calore elevato per 15 minuti e servirli ben caldi.

Questa ricetta è tratta dal libro "Cucina al vapore" de La Grande Cucina del Corriere della sera.






SUGGERIMENTI:

• Per rendere più saporiti i panini è possibile sostituire il 30% della farina di frumento con altri tipi di farina (di segale, di castagne, di riso..) e aromatizzare l'impasto con un trito di erbe aromatiche o spezie.
• E' estremamente importante che durante la cottura il vapore possa circolare liberamente all'interno della pentola.





Che altro dirvi se non: provate!! Io non ne sono rimasta estremamente colpita.. perchè propendo per qualcosa di più crostoso.. magari potrà essere una piacevole sorpresa almeno per voi!!




^___^'


28 commenti

  1. Oddio! io ne ignoravo l'esistenza :O! lo provo di sicuro! buona giornata

    RispondiElimina
  2. Ecccccccolo qui! Lo aspettavo ^__^
    Effetivamente, non ha proprio un bell'aspetto, è pallidino. Anche per me pane = crosta e colore dorato! Chissà se cuocendolo in forme più piccine viene meglio? magari sempre nello stesso cestello ma intervallandole da carta forno... però sono curiosa sai di provarlo? così tanto per...magari un giorno che faccio la pasta per la pizza, ne tengo da parte una pallina e la cuocio al vapore :P

    RispondiElimina
  3. interessante questo procedimento!! da provare!!

    RispondiElimina
  4. ma che bellezza!!! mai sentito prima!! da provare assolutamente!!
    buon inizio settimana ..

    RispondiElimina
  5. Anemone, ma che meraviglia è questa?? Pane al vapore???? Da provare SUBITO-ORA-IMMEDIATAMENTE,eh?!!!
    Ehehhee la sento già mia questa ricetta!
    Castagna

    RispondiElimina
  6. Anche io lo aspettavo!
    Per me è una scoperta totalmente nuova... Ma dove lo hai scovato?!?!
    Sembra una cosina soffice e delicata... ;)
    Buona settimana cara Anemone,
    un bacio grande.

    RispondiElimina
  7. Bella l'idea del pane al vapore! Lo proverò sicuramente! ^__^

    RispondiElimina
  8. mi sto perdendo da un'oretta nelle pagine del tuo blog,complimenti!!!
    davvero una bella scoperta ;)

    RispondiElimina
  9. Sono una grande appassionata di lievitati, e grande produttrice di pane fatto in casa. Ho letto con interesse del tuo esperimento con cottura a vapore. Magari lo provero', anche se sicuramente sono d'accordo con te in quanto a propensione per pani "crostosi"... A presto

    RispondiElimina
  10. ho mangiato il pane al vapore in un ristorante, ma credevo fosse difficilissimo da preparare! che spettacolo, ci devo provare :D brava!

    RispondiElimina
  11. ma allora si può fare!

    sei un genio, grazie per il post!

    RispondiElimina
  12. io sto per partire per mete cinesi...quindi mi prendo un po' di Man tou (è questo il nome cinese del pane a vapore) e scappo!!^_^!!complimenti per la ricetta!!Baci!

    RispondiElimina
  13. "Pane al vapore" mi evoca qualcosa di pallidino e flaccido a dire la verità, ma sono certa che abbinato con i cibi giusti, saporiti e magari piccanti può essere un giusto riposo per la bocca sia come gusto che come consistenza. E poi dalle altre culture c'è sempre da imparare no? basta solo aprirsi e provare come fai tu!Ciao!

    RispondiElimina
  14. @ Maya: ciao Maya cara!! Ma sai che neanch'io fino a poco fa lo conoscevo? C'è sempre da imparare e sperimentare sì sì!!
    ^___^


    @ Fiordilatte: ciao Fior!
    Sì, credo che utilizzando delle porzioni più piccole possa venire "un pò meglio" ..magari ci riprovo anch'io!!
    In realtà non erano esagerate le mie porzioni, ma è proprio la cottura in sè a dare questo risultato un pò palliduccio!!
    Comunque, sì, provalo: e poi dimmi cosa te n'è parso!!!


    @ Federica: sì sì Fede: prova e poi fammi sapere! Sono molto curiosa!!! ^__^


    @ Susina strega del tè: eh eh eh...vi ho sorprese questa volta, eh?
    Ma il bello è che questa preparazione non mi ha fatto impazzire...non mi ho convinta, ecco!! Provate voi, così possiamo venirne a capo!!!
    Un bacione!! ^______^


    @ Castagna e Albicocca: in effetti suona strano, no? Pane al vapore!! Neanch'io ne avevo mai sentito parlare..poi gira che ti gira: libri di qua, libri di là, ristorante cinese...e ti si apre un mondo!!!

    ^____*

    RispondiElimina
  15. @ Carolina: un bacione enorme a te Caro!! ^___^

    Sfogliando il libro che ho citato (Cucina al vapore de La grande Cucina del Corriere della Sera... è un papiro sto titolo!!!) mi è balzato subito agli occhi questo pane particolare.. poi mi sono ricordata di averlo assaggiato in un ristorante cinese qui a Bologna.. insomma, dovevo prepararlo anch'io!!!

    Come ho scritto su..non ne sono rimasta estremamente colpita, chissà se riprovando riusciremo a scoprire l'arcano!!!

    Ti abbraccio cara Caro..

    @ Momo: Momooooo!! Ma sai che me l'immaginavo?? Fammi sapere se lo provi!! ^____^

    @ Mirtilla: ma grazie caraaaaaaaa!! Divento rossa!!
    Grazie davvero!!! ^___^ Ti abbraccio!!

    @ Maurina: eh sì, cara Maurina...se il pane non ha un bel crostone.. che pane è?? E' una questione di gusti..niente di più!

    Pensavo che è davvero positiva la curiosità che contraddistingue tutte noi foodblogger: è così particolare avvicinarsi a delle culture diverse e a delle preparazioni "alternative"!!

    Un bacione!

    RispondiElimina
  16. Ho impastato da poco :)! Ora aspetto che l'impasto raddoppi, faccio i panini, 20 minuti e poi dritti dritti in vaporiera! Una domanda, il coperchio lo lascio ben chiuso o un pizzico aperto? Non vorrei gocciolasse troppo... vabbé tanto è una prova, ho fatto solo 250 g di farina! A presto per il risultato!

    RispondiElimina
  17. @ Salsadisapa: grazie carissima!! Chissà che abbinamenti particolari farai!! Se lo provi, mi raccomando, fammi sapere!!! CURIOSA più di una scimmia io!! ^____^

    @ Marta: ma grazie Marta!! Oddio..un genio proprio no: una "sperimentatrice" magari!! E forse neanche questo: io faccio un sacco di pasticci (che naturalmente non pubblico!!)..diciamo che mi piace tentare e tentare e imparare..e imparare!!! Un bacione!!

    @ Sofy: WOW Sofy! Allora aspettiamo tutte la vera ricetta MADE IN CHINA!!
    Grazie, non sapevo si chiamasse così!!
    Buon viaggio e a presto!!! ^___^

    @ Sara: verissimo Sara: parole sante!! Io la penso esattamente come te!! C'è solo da imparare!!
    E per quanto riguarda questo pane: è vero, credo sia un degno accompagnamento a piatti un pò più saporiti e decisi!!
    A presto e un bacione!!

    RispondiElimina
  18. @ Fiordilatte: ben chiuso, ben chiuso!! Non deve esserci passaggio di aria!!
    Mamma mia Fior..sono di un curioso assurdo!! Dimmi presto!!!
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  19. ok capo eheheheh :)
    sono curiossissima anche io! so che non sarà "pane" in senso tradizionale, ma voglio proprio vedere. Ho fatto qualche pasticcetto con le dosi del lievitino ma ho sistemato tutto ^__^ la pasta mi pare elastica al punto giusto e liscissima! stasera ti dico...anzi credo me ne mangerò un come aperitivo!

    RispondiElimina
  20. @ Fiordilatte: OK, benissimo allora!!!
    Attendo tue nuove..un bacione!!
    ^___^

    RispondiElimina
  21. Allora inizio col dirti che a me non è dispiaciuto. Come ti dicevo ho fatto metà impasto e l'ho diviso in 4 pallette. 15 minuti di cottura non mi sono bastati, li ho cotti per circa 25 minuti. Mi sono già mangiata un panino e mezzo.. ^__^
    E'....umido, si umido è la parola esatta. Morbidissimo e gustoso (mi ricorda una focaccia intrisa d'olio, in realtà è merito del poco olio che c'è nell'impasto e dell'effetto umidiccio).
    Diventa ancora più buono se scaldato leggermente nel tostapane, fetta a fetta, così si crea una lieve crosticina che contrasta con l'interno supermorbido.
    Io non lo boccerei sai. Certo ha lasciato anche me un po' perplessa. La prossima volta sai cosa voglio provare a fare? A stendere l'impasto tipo focaccia, mezzo cm, e adagiarla nella vaporiera, fortunatamente ne ho una di diametro molto grande!

    Ho fatto delle foto, dopocena le metto su flickr così vedi! :)

    RispondiElimina
  22. Eccolo:
    http://www.flickr.com/photos/fiordilatte/3895620953/

    buone vacanze :)
    ci risentiamo per la raccolta a vapore!

    RispondiElimina
  23. ciao!
    mi ha incuriosita questa ricetta... ora io non sono italiana e magari non ho capito bene a causa della lingua però ho un dubbio... non ho capito il procedimento della cottura. in pratica, dove lo devo mettere? dentro all'acqua? ho bisogno di una pentola normale? o devo comprare una speciale? sta cosa del vapore mica l'ho capita xD non potresti mostrare una foto del procedimento della cottura cosi riesco a capire che materiale usi? ^^ te ne sarei molto grata!

    ciaooo

    RispondiElimina
  24. ps.: scusa intendi per caso questi cosi qua quando dici cestello? http://2.bp.blogspot.com/_TajdfT2IdcI/SUYK1kkzUQI/AAAAAAAAA2E/3ZGr2pha-Wg/s320/PICT1342.JPG

    perche allora ritiro la cosa sopra detto perche credo che ho capito xD se non è neanche quello dillucidami te xD ciauuz

    RispondiElimina
  25. molto interessante questa ricetta, complimenti!!! se hai altri idee, consigli, innovazioni....date una occhiata al mio nuovo sito gustorante e lasciateci sapere delle vostre creazioni!!!

    RispondiElimina
  26. @ Misaoli e Gustorante: grazie per i vostri commenti! Scusate il ritardo della risposta, ma son tornata da poco!!

    Misaoli: sì, il cestello era proprio quello! Speriamo tu sia riuscita nell'impresa!!! Se puoi fammi sapere!!

    RispondiElimina
  27. ecco poi il pane al vapore mai visto nè provato...sei bravissima!

    RispondiElimina
  28. E' vero!! Mi hai fatto tornare in mente di averlo assaggiato tanto tanto tempo fa...ti è venuto benissimo. Ti seguo, collega di GDF :)) A presto, Valentina

    RispondiElimina

Instagram

© Anemone in Cucina. Design by FCD.