:: Mini banana breads con nocciole e cioccolato ::

31 dicembre 2009




La scorsa estate mi sono data alla sperimentazione della banana nei dolci! Non riuscivo a credere che, questo frutto, una volta cotto, potesse conferire quell'aroma così ricco!! E così, memore dell'estate e nell'attesa di preparare l'ennesimo banana bread -che a colazione è una mano santa- ho lasciato che due banane annerissero ben bene in frigo! Stramature le avrei utilizzate per preparare dei mini plumcakes.. per inaugurare la teglia che avevo tanto cercato e finalmente trovato!

Girovagando, poi, mi imbatto in questa meraviglia nel blog di Stefania (lo conoscevate? E' davvero bello: che foto!!) ed è amore a prima vista! E' o non è il periodo in cui gli stravizi sono più che concessi?? Io dico di sì!!
^___^ Me possino!!


:: Mini banana breads con nocciole e cioccolato ::

Ingredienti per 6 mini cakes:
burro fuso freddo 85g
zucchero 170g
uova 2
farina 00 180g
brandy 3 cucchiai
banane mature schiacciate
(non frullate, per evitare che diventino liquide) 2
cioccolato fondente tritato 115g + cioccolato fondente per spennellare
cremor tartaro (o lievito per dolci) 1 cucchiaino
nocciole tritate 100g



Lavorare le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungere il burro fuso e continuare a rimestare. Aggiungere il brandy e le banane schiacciate con una forchetta, e mescolare ancora. Unire il cioccolato fondente tritato, la farina 00 setacciata insieme al cremor tartaro. Continuare a lavorare il composto ed, infine, versare le nocciole. Versare nello stampo imburrato ed infarinato ed infornare, in forno già caldo, a circa 180°C per 40 minuti fino a doratura (farà fede la prova stecchino!!).

Stefania nel suo blog aggiunge:"Glassate con cioccolato o lasciate così com’è".
Se volete glassare: lasciate raffreddare i mini cakes e fondete a bagnomaria del cioccolato fondente: ne serve davvero poco ( intorno a 30g ) e, con un pennello da cucina, spennellatene la superficie.

SUGGERIMENTI: Stefania consiglia di non usare le gocce di cioccolato perché collasserebbero sul fondo, in quanto troppo pesanti.







Ed ora passiamo agli auguri ed ai ringraziamenti!
Auguri a tutti voi che avete condiviso con me questo 2009 ricco di ricette, aneddoti e nuove conoscenze!
Grazie per il sostegno e la costanza con cui passate sempre in questo piccolo angolo!
Vi ringrazio con affetto sincero: che il nuovo anno vi regali tutto ciò che desiderate!


Anemone

Auguri!

24 dicembre 2009




Vi abbraccio forte: con l'augurio che queste siano giornate serene per tutti.. a presto!
La vostra Anemone..




:: Biscotti salati alle mandorle e regali dell'ultimo minuto::

23 dicembre 2009







Sono in partenza finalmente! Visti i dissesti degli ultimi giorni spero di non congelare in treno! ^___^'
Non potevo partire, però, senza l'ultima ricetta "biscottosa" prenatalizia! Questa volta si tratta di deliziosi biscottini salati alle mandorle: provare per credere!



:: Biscotti salati alle mandorle ::

Ingredienti per circa 40 biscotti:
Farina 200 g
Burro 100 g
Grana grattugiato 60 g
Sale 1 pizzico (circa 2g)
Uova 2
Tuorlo 1 (per spennellare)
Mandorle in polvere 100 gr
Mandorle a lamelle 40 gr



Copio-incollo da qui:
Lavorare la farina, le mandorle in polvere, il grana, il burro a dadini ed una presa di sale fino ad ottenere un composto a briciole. Unire l'uovo e 1-2 cucchiai di acqua fredda e lavorare ancora l'impasto finché diventa elastico e omogeneo. Quindi avvolgerlo in pellicola trasparente e lasciarlo riposare in frigo per almeno 30 minuti. Stendere la pasta sul piano di lavoro infarinato, ridurla ad uno spessore di mezzo cm e intagliarvi tanti quadrati con un tagliapasta. Spennellare i biscotti ottenuti con il tuorlo emulsionato con poche gocce d'acqua e cospargerli con le mandorle a lamelle facendole aderire con una leggera pressione. Disporre i salatini su una teglia foderata con carta da forno e cuocerli in forno caldo a 180° per circa 15 minuti. Lasciar raffreddare e servire.




REGALI DELL'ULTIMO MINUTO!!
Attenzione attenzione! Se siete in ritardo con i regali di Natale ecco due idee veloci e davvero golose per voi!

PREPARATO PER CIOCCOLATA IN TAZZA di Paoletta: qui il link alla ricetta!
L'IDEA IN PIU': per non farci mancare nulla ho preparato un pdf a colori con il procedimento per ottenere una tazza di ottima cioccolata calda! Potete stampare il pdf, arrotolare il foglietto ed allegarlo al barattolo di vetro!! Eccolo QUI.







SCIROPPO DI MANDARINO ALLA VANIGLIA
Dall'ultimo numero di Sale&Pepe un profumato sciroppo per aromatizzare dolci e bevande.

Spremere 1,5Kg di mandarini insieme a un limone. Mettere il succo ottenuto in una casseruola, unite 350g di zucchero e una stecca di vaniglia e portate ad ebollizione. Togliere allo sciroppo la schiumetta in superficie, farlo bollire per 10 minuti, mescolando finchè si sarà addensato. Togliere lo sciroppo dal fuoco, passarlo attraverso un colino a maglie fitte e raccoglierlo in un vasetto. Aprire a metà la vaniglia, grattare i semi con un coltellino e farli cadere nello sciroppo, versarlo in 2 bottiglie da 5 dl a chiusura ermetica e conservare al buio. Si può usare subito e si conserva per 2 mesi. Allo stesso modo si può preparare uno sciroppo di pompelmo: sostituendo i mandarini e usando i semi di cardamomo al posto della vaniglia.




:: Linzer cookies ::

14 dicembre 2009





L'idea di questi biscotti mi è venuta spulciando tra le pagine di uno dei miei siti preferiti, Joy of Baking: graficamente non impeccabile ( lo devo dire!! ) ma ricco di ricette internazionali e con la particolarità di fornire le conversioni cups-grammi! Non mi convinceva, però, l'eccessiva quantità di burro che prevedeva e così, continuando nella ricerca, ho trovato la ricetta per me: i biscottini linzer di Tuki! Non credo servano altre parole: Tuki, lo sapete, è più di una garanzia!! ^___^

Si tratta di biscotti corposi che rivisitano la famosissima Linzertorte, specialità di Linz, capoluogo dell'Austria Superiore, e ideata dal fornaio Konrad Vogel. Su Wikipedia si dice che questa è la tipica torta natalizia di Ungheria, Svizzeria, Austria, Germania e Tirolo, e che i biscotti sono più che altro nordamericani. Bene, dopo un pò di notizie "fusion" passiamo alla ricetta! ^___^ Era ora!!


:: Linzer cookies ::
Ingredienti:
farina 00 250g
zucchero semolato 125g
burro freddo 125g
uova 2
mandorle macinate grossolanamente 65g
cacao amaro 10g
lievito per dolci mezza bustina
cannella 1 pizzico
confettura di lamponi quanto basta per farcire i biscotti
sale 1 pizzico



Copio-incollo da Tuki
Setacciare assieme la farina con il cacao, il lievito e la cannella, unire le mandorle tritate, il burro  tagliato a cubetti, lo zucchero ed il sale; lavorare il tutto velocemente, con la punta delle dita, in modo da intridere il burro formando un impasto sbricioloso. Unire le uova lievemente sbattute e lavorare il tutto fino a quando l’impasto non risulterà piuttosto omogeneo; avvolgere con pellicola e lasciare in frigo per almeno due ore. Prendere l’impasto freddo e con i tagliabiscotti creare i biscotti, sistemare in teglie ricoperte da carta da forno e cuocere a 180°C per 10-12 minuti. Sfornare i biscotti e riempirli con la confettura di lamponi. Si conservano alcuni giorni ben chiusi in una scatola di latta.






SUGGERIMENTI:


• La ricetta in questione è di Felder e prevede cacao amaro nell'impasto. Nulla vieta, però, di omettere questo ingrediente se non vi piace!
• Per informazioni storiche sulla Linzertorte vi rimando qui su Wikipedia.
 In attesa che la prepari anch'io ( presto! presto! ) ecco le celebri linzer di SigridCamomillaArietta.
• Per il packaging permettetemi di ricordarvi due post di un anno fa: ho realizzato dei pacchettini molto carini utilizzando un template di Marha Stewart! Qui il primo post e qui il secondo!!



L' IDEA DELLA SETTIMANA: 


Per realizzare altri regalini golosi per i vostri amici, o per farne dei centrotavola originali, vi propongo un albero di Natale di biscotti di pasta frolla!
L'idea mi è venuta partendo da qui. Poi, naturalmente, sono andata oltre!
Il procedimento è davvero semplice: si realizzano le stelle di pasta frolla e si uniscono tra loro con della glassa reale che ho preparato con:
• 1 albume
• 200g di zucchero a velo
• 3 gocce di succo di limone.

Infine si decora il tutto con dei piccoli ciuffetti di glassa e si lascia raffreddare e rassodare molto bene e molto a lungo! ^__^










:: Biscotti copritazza ::

7 dicembre 2009





Sapevate che tutte le ricette dei nostri Sale &Pepe, Cucina Moderna, Cucina No Problem, In Tavola, Grazia, Tu Cucina Facile ( anche numeri molto datati ) sono online nella sezione cucina del sito donnamoderna.com?? O__O
Io l'ho scoperto per caso e credo seriamente che d'ora in poi eviterò di rimpinzare la mia piccola casetta con nuove riviste.. dato l'enorme archivio a disposizione!!  ^__^

Bene, come promesso, in queste settimane che precedono il Natale proporrò delle ricette di biscotti da regalare a parenti ed amici! I pensierini fai da te sono sempre molto graditi!
Questa volta si tratta di semplici biscotti tondi rifiniti con cioccolato fuso e granella di nocciole che ho scovato proprio nel sito di cui sopra: che ne dite, originali vero?
 

:: Biscotti copritazza :: 

Ingredienti:
farina 00 280g
nocciole tostate tritate 50g
buro a pezzetti 140g
zucchero 130g
cioccolato fondente 70g
uovo 1
tuorli 2
scorza di limone non trattato 1
sale 1 pizzico



Copio-incollo direttamente dal sito:
Preparare l'impasto: setacciare la farina sulla spianatoia, formare al centro un incavo e in questo mettere i 2 tuorli e 1uovo intero, lo zucchero, il burro ammorbidito, 1 pizzico di sale e la scorza grattugiata di 1 limone non trattato. Lavorare velocemente gli ingredienti fino a ottenere una pasta omogenea; formare un panetto, avvolgerlo nella pellicola e riporre in frigo per 1/2 ora.

Formare i biscotti: stendere la pasta con il matterello a uno spessore di circa 1/2 cm e ritagliare piccoli cerchi dello stesso diametro delle tazze da tè ( o da cappuccino ). Con i ritagli di pasta avanzata formare 1 rotolino sottile e tagliarlo ogni 4-5 cm per confezionare i manici. Attaccare i rotolini al centro del disco di pasta per sostenere il manico al centro. Aiutarsi formando un cilindretto di alluminio, da lasciare anche durante la cottura.

Infornare i biscotti: cuocere in forno già caldo a 180 °C per circa 20 minuti, finché i biscottini saranno dorati. Lasciar raffreddare, intanto sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente, poi utilizzarlo per spennellare il bordo dei biscottini e, infine, far aderire la granella di nocciole.
Quest ricetta è tratta da "Cucina No Problem" del 2006.






SUGGERIMENTI:

• Per il packaging l'idea in più è proprio quella di regalare una tazza con relativo biscotto!
Avvolgiamo delicatamente il tutto in carta velina e confezioniamo il pacchetto con del cellophane: sorpresa assicurata!

• Quelle che vedete in foto sono tazze da cappuccino della Thun, ne hanno davvero di belle, anche se, a mio parere, un pò costose.

• Trovate bellissime tazze anche da Maisons du Monde: queste sono decisamente più economiche.
Le mie preferite sono quelle in stile coloniale: so chic!! ^__^

• Per tante altre ricette natalizie andate qui: vi si aprirà un mondo!


:: Biscotti alla cannella ::

30 novembre 2009







E con un gran balzo siamo giunti al frenetico periodo prenatalizio! Sono l'unica o anche a voi sembra impossibile che domani sia già dicembre??? Mah!

Diamo il via ad una serie di post sul Natale: da oggi in poi vi proporrò delle ricette semplici ma d'effetto per preparare dei biscotti da regalare ad amici e parenti! E vi consiglierò anche quale packaging utilizzare per completare l'opera!

Ci mettiamo subito al lavoro con dei deliziosi biscotti alla cannella!
Gli originali andrebbero ricavati da cilindretti tagliati a rondelle (per intenderci come questi di Mammazan), ma avendo a disposizione dei bellissimi cookie cutters non potevo sottrarmi dall'usarli!! ^__^



:: Biscotti alla cannella ::

Ingredienti:
farina 00 250g
zucchero di canna grezzo 100g
zucchero semolato 30g
burro 100g
cannella in polvere 5g
 sale 1 presa
latte 1 cucchiaio
uovo 1 piccolo
lievito vanigliato 3g



In una capiente terrina lavorare il burro ammorbidito insieme ai due tipi di zucchero, unire la cannella, il sale, il latte e l'uovo leggermente sbattuto; lavorare il tutto con una frusta per alcuni minuti, fino ad ottenere un composto spumoso e omogeneo.
Incorporare la farina fatta scendere da un setaccio con il lievito vanigliato, quindi trasferire il composto sulla spianatoia e lavorarlo brevemente con le mani. Preparare un panetto da porre in frigo, avvolto con pellicola trasparente, per almeno 30 minuti.
Realizzare i biscotti e infornare per circa 10-15 minuti in forno già caldo, a 180°C.
Questa ricetta è di Anna Parisi ed è tratta da "Piccola pasticceria" de La Grande Cucina del Corriere della Sera, e riadattata da me.









SUGGERIMENTI: 

• Per il packaging prendete spunto dalle foto: utilizzate dei pirottini bianchi, appiattiteli e sistemateci uno o due biscotti. Poi prendete del cellophane e realizzate dei pacchettini che chiuderete con della rafia.


• Per alcuni interessanti spunti golosi sulla cannella ecco qui un bel link dalla Cucina Italiana.





:: Praline alle nocciole ::

26 novembre 2009



Pochi giorni fa qui a Bologna si è tenuto uno degli appuntamenti più attesi dell'anno: il Cioccoshow! Che meraviglioso tripudio di cioccolato! Per cui, in onore di questa kermesse ho pensato di preparare delle praline alle nocciole! Eh sì, mi sembrava doveroso!! ^____^
Ecco a voi una ricetta semplice semplice ma gustosa!


:: Praline alle nocciole ::

Ingredienti per 4 persone:
cioccolato al latte 150g
panna fresca 2-3 cucchiai
nocciole pelate 100g


Tostare le nocciole in forno a 170°C o in padella antiaderente, raffreddarle e tritarle grossolanamente.
Fondere i 2/3 del cioccolato a bagnomaria e unire il resto appena la prima parte sarà completamente fusa.
Aggiungere le nocciole tostate e la panna non fredda a filo.
Lavorare il tutto e suddividere in pirottini quadrati o in una teglia per poi tagliarli successivamente.
Fare rapprendere al fresco o in frigorifero, comprendo con la pellicola trasparente.
Questa ricetta è tratta da "L'inverno in tavola: i dolci" di Food Editore.


SUGGERIMENTI:
• Un segreto per ottenere un'ottima copertura per le praline consiste nell'unire l'ultimo terzo del cioccolato alla prima parte già fusa togliendo dal fuoco o dal calore il tegame di fusione.
Questa operazione permette, infatti, di abbassare la temperatura del cioccolato e conferirgli lucentezza.
(Ehm.. come vedete io non ho seguito il suggerimento: e si vede! Alla prossima, promesso!)

• Mi raccomando: tostate le nocciole! Così le praline saranno buonissime! Assicurato!



Vi lascio con qualche foto del Cioccoshow: sbavo ancora a guardarle!! ^___^



(quella in foto non sono io!! ^__^)



:: Cupcakes in rosa per Sara ::

18 novembre 2009











Mi sono subito innamorata della raccolta di Sara! E' una bellissima idea quella di proporre delle ricette collegate da un ideale filo rosa! Non ho dovuto pensarci molto, è stato come un flash: ho immaginato dei  cupcakes guarniti di soffice panna rosa!

Il risultato mi ha davvero soddisfatta: oltre ad essere scenografici sono a dir poco deliziosi!
La ricetta di base, poi, è una sicurezza: è la stessa dei cupcakes alla mandorla e cioccolato bianco.. questa volta ho preparato solo la panna rosa ed.. il gioco è fatto! ^___^



:: Cupcakes alla vaniglia con topping di panna al ribes ::


Ingredienti per 12 cupcakes:
burro fuso tiepido 115g
zucchero 130g
uova 3
farina 00 210g
lievito per dolci 2 cucchiaini
latte 60ml
estratto vaniglia 1 cucchiaino

Per il topping:
panna fresca 250ml
zucchero 2 cucchiai
ribes rosso 1 confezione (125g)
melagrana un pò per decorare


In una terrina capiente (oppure nel mixer), lavorare le uova e lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungere il burro fuso e l'essenza di vaniglia, e continuare a mescolare.
Aggiungere, man mano, la farina setacciata ed il lievito per dolci, sempre continuando a rimestare.
Al bisogno ammorbidire l'impasto con il latte, versato a filo.
Foderare uno stampo da muffins con i pirottini leggermente imburrati.
Riempire gli stampi per 3/4 ed infornare, in forno già caldo,  a 180° per 20 minuti circa.
Farà fede la prova stecchino! Lasciar raffreddare completamente.

Per il topping: con uno sbattitore montare la panna. Quando questa inizia a solidificare, aggiungere lo zucchero e continuare con lo sbattitore fino a che non diventi ben soda. Riporre in frigo.
Schiacciare i ribes in un colino a maglie strette per ricavarne il succo ed unirlo alla panna, rimestando dal basso verso l'alto per non sgonfiarla.
Mettere la panna in una tasca da pasticciere (sac à poche) e guarnire le tortine!


CURIOSITA': guardate la maga dei cupcakes cosa è riuscita a fare con la melagrana!
Ne sa una più del diavolo!! ^__^







Con i miei cupcakes partecipo alla raccolta del blog Meringhe alla panna







:: Cake autunnale con mele cotogne, carote e mandorle ::

9 novembre 2009




Cosa c'è di più autunnale di un cake? Che bello accendere il forno e lasciare che una calda fragranza invada la casa! E poi è una preparazione semplice, veloce e altamente personalizzabile!
Questa versione è tratta dal libro "Cakes dolci e salati" della Guido Tommasi Editore, una vera e propria fucina di cakes! Ne preparerò parecchi, così potrò passarvi un pò di ricette!
Intanto partiamo con la prima che, in origine, prevede l'utilizzo di una mela "normale", ma io (figurarsi se sto ferma!!) ho optato per 2 mele cotogne perchè curiosa di sapere che resa potessero avere nel dolce! Durante la cottura quell' "asprigno" di mela cotogna va via lasciando il posto al classico sapore della mela, forse anche leggermente più delicato!
Come vedete si tratta di un cake rustico da gustare, magari, mentre sorseggiate un buon tè!



:: Cake con mele cotogne, carote e mandorle ::

Ingredienti per uno stampo da cake: 
farina 00 150g
mandorle in polvere 100g
uova 3
zucchero integrale di canna 150g
burro 125g
mele cotogne medie 2
carota 1
uvetta 1 manciata abbondante
essenza mandorle 1 cucchiaino
lievito per dolci 1/2 bustina
sale 1 pizzico




Copio/incollo direttamente dal libro "Cakes dolci e salati".
Scaldate il forno a 180°C.
Sbucciate le mele cotogne e la carota, poi grattugiatele finemente. Fate sciogliere il burro nel microonde o a fuoco basso. Imburrate e infarinate uno stampo.
In un’insalatiera, sbattete le uova con lo zucchero di canna. Quando il composto avrà raddoppiato di volume e sarà diventato spumoso, aggiungete poco a poco la farina, il sale, le mandorle in polvere e il burro fuso. Unite poi la mela, la carota, l’uvetta e l’essenza di mandorle. Mescolate senza rendere l’impasto del tutto omogeneo. Incorporate il lievito e il bicarbonato. Versate tutto nello stampo.
Fate cuocere 40 minuti.








Qui un'altra versione di questo cake, la ricetta è della mitica Lenny su francescav!!


Almeno mi auguro possa esservi utile!! ^___^
Vi segnalo che, a partire da oggi, presso i supermercati Lidl ci sono in offerta degli stampi per dolci della Zenker ad un prezzo davvero ottimo!

EDIT: ho trovato anche il termometro da cucina a 3 euro!! ^___^

Buona settimana!!  ^___^


:: Honest scrap: vi dico qualcosa di me.. ::

5 novembre 2009

Eh sì.. Carolina mi ha passato la patata bollente! Grazie cara Caro, Caro cara.. saprò come sdebitarmi, sì sì.. per prima cosa ora mi lasci un commento in cui analizzi punto per punto tutto quello che scrivo!! Scherzooo!!! ^___^ Come si fa a dire di no a Carolina?
E' troppo dolce!




 
Per prima cosa, qualche dato biografico: sono pugliese, alto salentina per la precisione (ci tengo molto, eh!) ma vivo a Bologna, dove studio. Questa città mi ha adottata a braccia aperte. L'adoro: oltre ad essere bellissima, è anche piena di contrasti! E i contrasti mi affascinano.



Perché ho creato questo blog? Non l'ho mai detto espressamente..
Sì sì.. ok.. sorvolerei sulla pappardella del mettere ordine tra le ricette più riuscite (per carità, il blog è nato anche per questo, perchè fosse un archivio personale), ma non solo: è nato soprattutto perchè, in un delicato momento della mia vita, è stato vitale distrarmi e dedicarmi ad altro, in uno spazio solo mio, in cui poter esprimere le mie passioni per la cucina, per la grafica, per i COLORI, per la fotografia!
Magari, quando sarà il momento, vi parlerò anche di questa "brutta cosa" che mi affligge. Ma non per tediarvi o disperarmi: sarà solo per raccontarmi un pò più a fondo e per passare un messaggio di speranza..



Sono fidanzata da più di tre anni e molto innamorata... insomma mentre scrivo ho gli occhi a cuoricino!! ( e qui direi che basta così.. un pò di privacy è d'obbligo! )



Sono (forse ero!) una persona estremamente ansiosa, ANSIA è (forse era!) il mio secondo nome.. ma piano piano, e per fortuna, le cose cambiano!
Come? Non assecondandola ma, anzi, sbattendoci contro! Prima fuggivo di fronte a situazioni ansiogene, ora non più: la migliore soluzione è proprio quella dell'attacco!
Altra strategia è cantare: ho già parlato di questa gigantesca passione! Canto da sempre, sì, da quando ho memoria, sia in pubblico che non.. e mi rilassa molto ascoltare la mia voce! Ora faccio parte di ben due organici corali e non immaginate che valvola di sfogo sia!!! E' proprio vero: CANTA CHE TI PASSA!



Altra passione è quella per le nuove tecnologie: sto diventando una fanatica, e questo non mi piace affatto!! Sono una Mac-addicted ! Da quando, lo scorso anno, ho cambiato il mio pc ultra-super-formattato e pieno zeppo di virus e ho preso un computer Apple, tutto è cambiato: mai scelta fu più azzeccata!
Mi piace troppo mettermi al computer e vagare, vagare per siti e blog.. se potessi lo farei per ore, mi rilassa e ricarica al tempo stesso! Mi piace particolarmente osservarne la struttura: col tempo sto studiando i vari linguaggi (html, css etc..) e mi diverto anche a creare dei siti da me! Non è così difficile come sembra!
Naturalmente la cosa che, a primo impatto, mi colpisce di più è l'aspetto grafico: ci sono dei siti, secondo me, stilisticamente perfetti: mi piacerebbe riuscire a riprodurre qualcosa di simile, ma dubito di esserne capace!! Sono anche molto critica, però! Non immaginate quante volte mi capita di dire: " Uff, che brutto! Questo lo cambierei completamente", oppure: "Mamma mia che accozzaglia di colori, stridono troppo!" Intendiamoci: de gustibus è sempre de gustibus, eh!? Forse potrei sfruttare questa cosa e propormi come blog stylist!!!!



Mi scotto sempre! Non ce la posso fare!! Ho due "guantoni" da cucina che arrivano al gomito.. ma le mie mani, i miei polsi, i miei avambracci si scottano sempre!!!! Ahi, che dolor ! ^__^



Detesto le persone che mangiano in piedi; quelli che non sorridono; quelli che di mattina si svegliano stralunati e scontrosi; quelli che non lavano i capelli; gli intolleranti; quelli che ti fanno aspettare perchè hanno fatto tardi; quelli che non hanno un'opinione chiara sulle cose; quelli che se ne stanno lì, come un pezzo di ghiaccio, mentre li abbracci; quelli che straparlano; quelli che sbagliano i congiuntivi; quelli che non si scervellano neanche un pò prima di farti un regalo e ti rifilano la prima cosa che trovano!!



Ho un mondo di orecchini e borse: mi piacciono troppo! Non esco mai senza: mi sento nuda! ^__^
Non è necessario che siano costosi: anzi, in giro ci sono un sacco di cose poco costose e veramente belle! Mia sorella, che odia il "ristagno" di orecchini, ogni tanto ne butta via un paio: non sa che fa solo la mia felicità!!! Ho la scusa buona per cercarne di nuovi!
Il mio negozio preferito, al momento, è Accessorize ! Che prezzi, alla faccia! Ci vado solo ai saldi, quando gli sconti arrivano al 70%!!! ^__^



Mi piace il fai da te: adoro impacchettare, ritagliare, lavorare a maglia(non sempre, dipende dai periodi!).. ma mi annoio anche in fretta: ho bisogno di stimoli sempre nuovi per sentirmi attiva!! Non sono molto costante, insomma..



Leggo sempre le etichette, sono il classico consumatore consapevole esigente e anche rompi, aggiungerei!! E non solo in ambito alimentare: da qualche anno acquisto prodotti e cosmetici eco-bio e prima di prendere qualcosa leggo l' INCI e consulto il biodizionario !




Vi basta?? Vi ho scocciato abbastanza??




:: Mousse al cioccolato ::

2 novembre 2009





E visto che, a causa di questo freddo, le patacche mega caloriche "sembrano" lecite.. ecco a voi la mia mousse al cioccolato!
Mi è stata commissionata dalla sorellina-super-mega-golosa-di-cioccolato.
Potevo mai rifiutare?
E così, gira di qua.. gira di là.. ho deciso di preparare la versione del libro "Dolci al cucchiaio de La Grande Cucina" del Corriere della Sera ( questi libri sono strepitosi, non ne sbagliano una! ) che prevede la cottura delle uova. Tante ricette, invece, utilizzano uova crude: cosa che, per questioni di gusto, preferisco evitare.



:: Mousse al cioccolato ::

Ingredienti per 4 persone:
cioccolato fondente 100g
panna fresca 250 ml
zucchero semolato 40g
tuorli 2
cacao amaro in polvere 1 cucchiaino



Tritare finemente il cioccolato e tenerlo da parte. Far caramellare lo zucchero insieme a due cucchiaini di acqua in un pentolino, su fiamma dolce. Quando il caramello avrà assunto un bel colore dorato, togliere il pentolino dal fuoco e versare 50ml di panna.
Mescolare e trasferire nuovamente su fiamma bassissima. Aggiungere anche i tuorli, mescolare e cuocere la crema per 2 minuti, continuando a rimestare.
Fuori dal fuoco aggiungere il cioccolato e lasciarlo sciogliere completamente.
Montare la panna rimasta: quando la crema al cioccolato sarà fredda, incorporare la panna mescolando con delicatezza.
Suddividere la mousse in quattro coppette e porle in frigorifero per almeno quattro ore.
Poco prima di servire, spolverizzare la superficie con il cacao in polvere.





SUGGERIMENTI:

• Per un tocco in più, al momento di incorporare la panna montata, aggiungete un pò di zenzero candito tritato.
• Per altre versioni di mousse al cioccolato potete curiosare:
 qui da Arietta (senza panna);
 qui da Tulip (con panna);
 qui da Anna (gluten free).



Photobucket
Scusate se non riesco a passare dai vostri blog in questo periodo!
Sono in una fase piuttosto complicata.. chissà, forse un giorno vi parlerò un pò più di me..
Mi dispiace molto.. spero di riuscire a rimediare al più presto!

^___^'  PERDONO!! Intanto.. buona settimana!



:: Torta salata al mascarpone e peperoncino ::

26 ottobre 2009




Buon lunedì a tutti!    ^___^    Come state? Io un pò intontita.. mah!?
E' da un pò che non vi propongo qualcosa di salato.. e allora rimedio subito, offrendovi un tortino salato niente male! Se vi piace il peperoncino ( io l'adoro! ) dovete assolutamente provarlo: si tratta di una torta a cui ricotta e mascarpone conferiscono un sapore molto delicato che, poi, viene "personalizzato" grazie al tocco deciso di peperoncini rossi ed erba cipollina.
L'idea mi è venuta sfogliando il mio nuovo libro di cucina, un must della Guido Tommasi Editore: Cakes Dolci e Salati. Ero partita con l'idea di preparare il cake al formaggio bianco, ma avevo solo un uovo ed era domenica, così ho riadattato il tutto a modo mio! ^__^'
Per fortuna non ho fatto un disastro: anzi, i miei commensali hanno gradito molto!



:: Torta salata al mascarpone e peperoncino :: 

Ingredienti per 4 persone:
mascarpone 100g
ricotta 125g
farina 0 200g
uovo 1
sale 5g
olio e.v.o. 2 cucchiai
latte q.b. per ammorbidire l'impasto
erba cipollina 1 mazzetto
peperoncini rossi 2



Nel mixer ( o a mano, in una terrina ) lavorare insieme l'uovo con olio e.v.o, ricotta e mascarpone.
Aggiungere farina, sale e latte ( q.b. per ammorbidire l'impasto).
Aggiungere l'erba cipollina tritata e i peperoncini tagliuzzati.
Versare il tutto in una piccola teglia rettangolare (può andar bene anche quella per plumcake) e infornare, in forno già caldo, a 180°C per 40 minuti circa.





Buona settimana!
PS: una curiosità.. che tempo c'è da voi? Qui, a Bologna, è tornato il caldino.. 20 gradi!!
Mah, non ci capisco un gran che!  ^___^'

:: Muffins ai mirtilli ::

19 ottobre 2009





Come dice Salsadisapa questo sì che è autunno!

Adoro questo freddino pungente! Per me è un periodo splendido: mi hanno sempre affascinata i suoi colori, le sue luci, i suoi sapori! Potesse essere sempre autunno.. mi fucilate se lo dico??  ^___^'  Forse sì!
Ok ok.. cerco di farmi perdonare offrendovi un muffin!

Era da un pò che cercavo, invano lo ammetto, di preparare dei muffin ai mirtilli.. ecco, ora ho la ricetta perfetta! Credetemi!
Tuki non delude mai, i suoi muffins ai mirtilli sono semplicemente deliziosi! Li avete mai preparati?






:: Blueberry muffins: muffins ai mirtilli ::

Ingredienti:
farina autolievitante 375g
farina 00 75 g
uova intere 2
latte 250ml
 burro fuso 125g
zucchero di canna 115g
mirtilli lavati e asciugati 200g
vaniglia a piacere



Copio/incollo da Tuki:
Preriscaldare il forno a 180°C. In un recipiente setacciare la farina, aggiungervi lo zucchero e i mirtilli e mescolare; sbattere le uova assieme al latte e alla vaniglia e versare sugli ingredienti asciutti, unire anche il burro fuso (tiepido) e mescolare velocemente con un cucchiaio di metallo fino a quando gli ingredienti risultano amalgamati. Affinchè il prodotto finale non risulti gommoso, il composto non dev'essere perfettamente liscio ma deve presentare alcuni piccoli grumi. Aiutandosi con due cucchiai, distribuire l'impasto negli stampini imburrati o negli appositi pirottini di carta, riempendoli per 3/4; cuocere per 30 minuti e fare la prova cottura infilandovi uno stecchino nel centro, quando questo uscirà perfettamente asciutto sfornare i dolci e lasciarli raffreddare. Servire freddi o tiepidi, sono migliori se consumati lo stesso giorno.

Nota: se utilizzate mirtilli surgelati utilizzateli subito, senza farli scongelare, altrimenti l'impasto si colorerà con il succo dei mirtilli.





:: Torta di prugne sbriciolata ( di Marina Braito ) ::

12 ottobre 2009

Photobucket



Sono tornata a Bologna!
Che periodaccio: non mi sono ripresa del tutto da questa brutta influenza.. ma davanti al dilemma del secolo accendere-o-no-il-forno (?) non ho saputo resistere e, ancora febbricitante, ho preparato questa  autentica meraviglia! Si tratta della torta sbriciolata di Marina B. che ho scovato qui sul blog di Antonella Croce e Delizia.
Decisamente una delle migliori torte che abbia preparato: un croccante guscio di pasta streusel ad avvolgere un ripieno di succose prugne (sono le ultime, affrettatevi!) e una colata di panna e yogurt ad ammorbidire il tutto!
Grazie Antonella e grazie Marina!!


Photobucket



:: Torta di prugne sbriciolata ::

Ingredienti per una teglia da 24 cm di diametro:

 farina 00 200g
zucchero 150g
burro 100g
lievito in polvere 1 cucchiaino

uova 2
panna liquida 200ml
yogurt bianco 1 (125ml)
zucchero di canna 100g (secondo me anche meno)
prugne (o mele) 1kg


Copio/incollo da Antonella:
Versare in una ciotola la farina, lo zucchero, il burro freddo a pezzettini e il lievito. Lavorare sfregando il tutto con le dita fino ad ottenere delle briciolone.
Se durante la lavorazione ciò che otterrete è uno sfarinato composto di briciole sottilissime vuol dire che l’impasto è troppo asciutto, aggiungere in tal caso mezzo cucchiaio di latte freddo e proseguite.

Versare 3/4 dell'impasto in una tortiera a cerniera del diametro di 24 cm, metterci sopra le prugne sbucciate e tagliate a spicchi.
Io ho utilizzato le prugne private del nocciolo interno e divise in 4 parti. Ricordate di utilizzare delle prugne a giusta maturazione altrimenti vi toccherà abbondare con lo zucchero.

Versare sopra il rimanete 1/4 dell'impasto. Non premete, tutto deve risultare molto irregolare.

Infornare a 180 ventilato o 200°C  statico per 20 minuti

Nel frattempo mescolate con una frusta tutti gli altri ingredienti (panna, joghurt, uova e zucchero di canna). Trascorsi i 20 minuti estraete la torta dal forno e versateci sopra questo composto.
Infornate di nuovo per altri 40 minuti.

Attenzione! Se utilizzate lo stampo a cerniera una piccola parte del liquido versato potrebbe fuoriuscire dal fondo della tortiera. Per evitare spiacevoli inconvenienti in forno è bene sistemare il dolce all’interno di un vassoietto di alluminio che fungerà in tal caso da raccoglitore. E’ preferibile utilizzare il forno ventilato per consentire al ripieno di asciugarsi ulteriormente.




Photobucket



SUGGERIMENTI:

• Per i consigli di Marina Braito sulla sua torta andate qui
• La ricetta originale di Marina prevede l'utilizzo di mele. Io, da sperimentatrice quale sono, ho provato anche con le pere e devo dire che il risultato è stato ottimo! Unica accortezza è ridurre drasticamente le dosi di zucchero!
• Per l'etimologia culinaria del termine streusel vi rimando a Cavoletto e Wikipedia.




PS: vi va di vedere un pò di scatti delle mie vacanze? Ho appena creato il photoblog:  :: anemone's photoblog :: shooting in love
Sono foto senza pretese, ma sentite, che ritraggono molti posti della mia infanzia..




:: Raccolta CUOceRE al vapore ::

1 ottobre 2009





Ed eccomi qui!! Salve a tutti, come state?
Io benissimo, rinfrancata e pronta a riprendere insieme a voi l'avventura del blog! In realtà ho un pò di febbre e un vocione raffreddato da far paura.. ma chissene!!

Colgo l'occasione per ringraziarvi tutti, siete così cari! E non mi rivolgo solo alle amiche foodblogger che ormai sono di casa nel ::Corner:: (grazie di cuore♥, senza di voi non saprei come fare: siete un continuo stimolo e spunto!!), ma anche a tutti gli aficionados e agli abbonati ai feed che abitualmente passano da qui.
Sarei così contenta se lasciaste una piccola traccia del vostro passaggio..anche solo un CIAO, se vi va!! (Potete usare la modalità "anonimo" se non avete un account Google!!  ^___^)

Ok.. ora riprendiamo con l'attività del blog: come ampiamente preannunciato (il tutto è nato in seguito alla preparazione del pane al vapore) è arrivato il momento della mia prima raccolta: CUOceRE AL VAPORE.
Ho pensato di intitolarla così perchè quello del vapore è un metodo di cottura "dolce".
Ma non solo... il vapore non è mica solo questo, eh?
Vediamo un pò perchè (perdonatemi, ma mi dilungherò)!

Negli ultimi tempi cuocere con il vapore è sempre più in voga, ma ancora non così abituale.
Eppure è strano, visti i vantaggi! Pensate che in Oriente, nella case e nei ristoranti, è uso impilare in un'unica ampia pentola più cestelli di bambù: con un consumo energetico irrisorio si possono cuocere alimenti diversi insieme! La tecnica di cottura è davvero semplice: si sistema l'alimento in una pentola (o in un recipiente adatto) chiusa in modo più o meno ermetico. Qui entrerà in contatto con il vapore prodotto dal liquido in ebollizione e si cuocerà. Niente di più semplice, io di solito mi comporto così: metto due o tre dita d'acqua nella pentola, porto a bollore, infilo il cestello d'acciaio su cui ho disposto il cibo, abbasso la fiamma, copro ben bene con il coperchio e vai, è fatta!!
Se invece desidero cuocere più pietanze contemporaneamente utilizzo i cestelli di bambù, che impilo l'uno sull'altro. L'unica accortezza, in questo caso, è disporre nel cestello più basso quei cibi che richiedano temperature di cottura maggiori (farinacei e verdure) e nella parte alta i prodotti a base di carne e pesce, in modo che il calore li raggiunga attenuato.



TIPS & TRICKS: i vantaggi della cucina a vapore !

• I cibi non disperdono le loro sostanze, come accade, invece, quando sono immersi in acqua e, perciò, mantengono maggiormente le loro proprietà nutrizionali.

• Cuocere a vapore è sano perchè non si utilizzano grassi aggiuntivi!

• Il vapore scioglie i grassi presenti in carne e pesce facendoli colare nell'acqua di cottura.

• Perfetta, poi, è la gestione del grado di cottura che si vuole raggiungere: è semplice controllare la consistenza del cibo man mano che questo cuoce, fino al grado di morbidezza che si vuole ottenere!

• Cuocere a vapore accelera i tempi di scongelamento dei cibi e, nel caso di alcuni pesci conservati, li dissala.

• Invece di bollire frutta e verdura, per poi sbucciarli, è possibile esporli al vapore!

• E' un metodo di cottura igienico ed economico: non sporchiamo la cucina ed il conseguente risparmio di detersivo la rende a tutti gli effetti una cucina ecologica!

• E'anche possibile riscaldare a vapore: tenendo il coperchio semichiuso non rischieremo che il cibo stracuocia, ma lo riscalderemo solamente!

• L'acqua da portare a bollore può essere aromatizzata con spezie ed erbette aromatiche per conferire gli aromi più disparati ai cibi.

• E poi volete mettere quanti punti neri possiamo far fuori con il vapore? No, scherzo!!  ^____^


REGOLAMENTO DELLA RACCOLTA:
Per partecipare è necessario:

• postare nei vostri blog una ricetta che preveda l'utilizzo della cottura a vapore: si possono usare tutti gli utensìli adatti (cestello in bambù, cestello in acciaio, cuscussiera, vaporiera elettrica, pentola a pressione con cestello, varoma del Bimby.. etc..). L'importante è che l'alimento principe del piatto venga cotto a vapore. Poi, per quanto riguarda "l'accompagnamento" potete sbizzarrirvi come più preferite;

• lasciare il link della vostra ricetta come commento a questo post;

• prelevare e pubblicare nei vostri blog il codice o il banner della raccolta -che trovate qui in basso- e inserire un link che rimandi a questo post;

Partecipate anche se non avete un blog! Inviatemi la ricetta, corredata di foto, all'indirizzo anemone.kawaii@gmail.com











Scadenza: 31 dicembre 2009
(Mi riservo, eventualmente, di posticipare la data).


A seconda della adesioni alla raccolta creerò un pdf o un elenco di link alle ricette.

IMPORTANTE!
Dopo il 31 dicembre, sceglierò le tre ricette che prediligo, poi indirò un sondaggio pubblico con cui decreteremo il vincitore, a cui spedirò un dono, naturalmente di ambito culinario!!

Bene.. che la raccolta abbia inizio e a presto con una nuova ricetta!!



 Photobucket




Pollo piccante in foglie di banano di Fiordilatte
Ravioli al vapore di Sweetcook
Cupoletta di riso bianco e riso venere alle verdure di Micaela 
Cannelloni orto-marini di Luby
Zucchina rotonda ripiena di Luby
Finocchi cremosi con croccante di prosciutto crudo di Sunflowers8
Torta rustica di zucca di Carolina
Cous cous di cavolfiore speziato di Lenny
 Scrigni di melanzane e spada di Manu e Silvia
Polpettone di tonno di Lauradv
Fagottini di branzino e verza al vapore di Gloria
Rana pescatrice in saor di ciliegie di Daniela
 Rana pescatrice al vapore con patate rosse, condita con olio aromatico alla lavanda di Daniela
Zucca in saor di Daniela
Ciambella rustica al vapore di Sara
Nasello al vapore con zucchine e salsa allo zafferano di Sunflowers8
Riso al vapore con la salvia di Speedy70
• Salmone al vapore con salsa alle mele di Antonio
Gnocchetti di zucca di Marialuisa


:: La mia prima raccolta e un pò di vacanze anche per me ::

7 settembre 2009


Photobucket



Dopo l'ultimo post, sul pane al vapore, ho iniziato a pensare a quanto mi piacerebbe organizzare una raccolta di ricette che utilizzino proprio questa tecnica di cottura "dolce": il vapore. Che dite, vi piace l'idea? Ho girovagato un pò per il web e non ho trovato nè raccolte nè contest al riguardo, confermate? ^___^

Così, una volta ricevuto il vostro benestare, la raccolta si svolgerà a decorrere da ottobre, quando il blog riaprirà dopo le mie vacanze settembrine!

Eh sì.. un pò di vacanze anche per me: sono in partenza, finalmente!
Mi raccomando, fate le brave/i e non dimenticatemi.. ci risentiamo ad ottobre.. e iniziate a spremere le meningi nell'attesa di partecipare alla mia prima raccolta!!! ^___^'


Instagram

© Anemone in Cucina. Design by FCD.